Parquet Idee & Parquet Palazzo Pitti Firenze

Cliente: Fiera di Firenze, Fortezza da Basso

Luogo: Firenze

Architetto: Elio Di Franco

Idee & Parquet, in collaborazione con l’Arch. Elio di Franco (che la curato la direzione artistica del progetto), ha realizzato la pavimentazione della reception e degli ingressi alla Fiera di Firenze ospitata alla Fortezza da Basso. L’ampio ambiente viene utilizzato come ingresso/biglietteria, ma viene utilizzato anche come centro polifunzionale che può ospitare mostre, eventi, ecc..

La struttura commissionata risponde a precisi requisiti: minimo impatto ambientale, sopraelevata dal terreno e distaccata dalle mura della fortezza. Dovevano inoltre essere rispettati i due grossi pini secolari che passano all’interno della struttura emergendo dal terreno e sfondando il soffitto. Le due piante, visibili attraverso le pareti di cristallo e illuminate, decorano l’ambiente e sono due opere d’arte naturali. L’edificio doveva ricordare una palafitta sollevata da terra. Chiusure perimetrali con cristalli

I prodotti Idee & Parquet sono stati posati in esterno e all’interno sia a pavimento che a parete.

ESTERNO

Un terrazzo perimetrale delimita la struttura e serve da sfogo per le 19 doppie porte di cristallo. E’ stato utilizzato il pavimento per esterni della Linea Piazza Grande, lasciato al grezzo e avvitato da sotto (viti non in vista), su traversi ad interasse di 50 cm. Sono previste 4 viti ogni volta che la lista incontra il traverso: ne risulta una griglia larga circa 65 cm e una lunghezza a partire da 220 cm. Con questo sistema sono stati realizzati anche  i due scivoli per disabili e la grande scala di cm.240 con pedate di cm.62  oltre i 360 mq. di pavimento esterno.

Tutta la pavimentazione esterna è perfettamente in piano e sollevata di ben 14 cm.

INTERNO

Il pavimento è stato scelto dal Direttore Artistico Arch. Elio di Franco per il suo aspetto naturale e poco invadente, il più neutro possibile.

Il nostro Quercia Medicea è realizzato con rovere fumè tipo industriale con lamelle larghe 10 mm lunghe 300 mm con modulo di 900 mm spessore del pannello 4 mm, assemblate tra loro e trattate con vernice acrilica opaca a zero gloss, pertanto così opaca che non riflette la luce; iningiallente, per non virare di colore al giallo viste le enormi vetrate non protette da tendaggi che circondano l’edificio.

Tutta la pavimentazione interna è sollevata da terra di ben 14 cm dando la possibilità a tutti gli impianti di passare sotto la pavimentazione stessa e  tutti gli elementi sono ispezionabili a moduli di 300 x 900 mm dando la possibilità alla committenza di cambiare la destinazione d’uso del grande salone 1200 mq. creando ora una mostra di opere d’arte e ritornare poi nuovamente biglietteria ed ingresso fiera, o altro ancora.

Elettrificare di volta in volta quanto è necessario, sollevando il pavimento, realizzando un nuovo impianto e riposizionando le mattonelle al suo posto.

Grazie ala collaborazione di Teknofloor, produttrice di pavimenti sopraelevati, che ha reso possibile la realizzazione dell’opera incollando i nostri pannelli già trattati – spessore 4 mm, largh. 300 mm, lunghezza 900 mm – su un adeguato supporto – tot. spess. 38 mm – la posa dei 1200 mq. di pavimento sopraelevato, essa è stata realizzata in soli 4 giorni lavorativi.

Grazie a questa esperienza di successo,  la nostra collaborazione con Teknofloor continua. Collaborando con lo studio di progettazione A.S.Z Firenze e l’architetto Zecchi della Gucci, abbiamo realizzato una pavimentazione sopraelevata in legno formante disegno 600 x 900 mm bisellando ogni singolo elemento che componeva la raffigurazione all’interno del singolo modulo  per una superfice superiore a mq. 1000 circa, in viale Macchiavelli per conto della Gucci (areal manager Europa).

La pavimentazione trattata con appositi pigmenti e finita in opera a cera come una vera pavimentazione d’altri tempi.

Parete alle spalle della reception

Il rivestimento a parete Quercia Medicea Fume è identico come aspetto alla pavimentazione che andremo a descrivere, ma il supporto su cui è realizzato è di normale nostra produzione, tre strati a cui è stato invertito la venatura del supporto centrale in abete (visto che il rovere della faccia in vista è trasversale).

Il fissaggio su parete in cartongesso è stato realizzato con  colla monocomponente poliuretanica  EG  ECO certificata GEV e  EC1  prodotta da Mapei, per GAZZOTTI.

Questo sito usa cookies.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito web utilizza i cookie

Gent.le utente, questo sito utilizza cookie tecnici a noi riferibili e cookie di terze parti per assicurarti una migliore esperienza di navigazione ed effettuare comunicazioni e interazioni in linea con le tue preferenze. Se clicchi sul tasto “Accetto”, o prosegui la navigazione sul sito eseguendo qualunque operazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più e gestire le preferenze sui cookie, consulta la nostra “Cookie Policy” cliccando qui

Chiudi